La mia playlist dell’autunno 2016

Il lettore mp3 e le richieste degli amici di un cd con le canzoni del momento, mi dicono che è tempo di aggiornare la playlist. La coda musicale che fa da scia all’estate con i suoi tormentoni si è ormai esaurita e già da più di un mese dominano la scena pezzi che impongono una nuova scaletta targata autunnomusica e cuffie

Inizio dal conto in sospeso con Alvaro Soler, che avevo praticamente bandito dalla mia playlist estiva. Il suo duetto con Emma in Libre è molto interessante per il piacevole contrasto tra le due voci e per il ritmo. Impossibile, in qualsiasi situazione ci si trovi, supermercato o ufficio compresi, non aver voglia di ancheggiare un po’, lasciandosi trasportare dal sound caraibico del singolo.

Nativo nel pieno della stagione estiva, ma ancora molto in voga, è lo spumeggiante Shawn Mendes con Treat You better, voce e grinta gli permettono di aggiudicarsi un posto nella playlist.

Meritevoli, per l’adrenalina disco, Telepathy di Christina Aguilera e il ritorno di Lady Gaga con Perfect Illusion. Sono quei pezzi che rianimano di prima mattina se li trovi smanettando alla radio prima di arrivare in ufficio e motivano il difficile ritorno in palestra. Segnatevi nella lista da consigliare all’istruttore di aerobica per la colonna sonora delle sue lezioni, anche Sia con The Greatest, 24k di Bruno Mars e Rag’n’Bone Man con Human.

Bocciatissimo invece il remake di Where is the love dei Black Eyed Peas. Per quanto il sound possa essere interessante, faccio fatica ad abbinarlo con l’originale a cui non dà nessuna intensità musicale innovativa.

Interessanti nel made in Italy sono Completamente dei Thegiornalisti e Quando sono con te dei Ex-Otago, entrambi ricordano molto i pezzi italiani anni ’80. Non male anche Potrei abituarmi di Annalisa, ma è una di quelle canzoni che, a dispetto del titolo, piacciono ma, se troppo stuzzicate dai palinsesti radiofonici, stancano.

Restano fuori dal gioco alcuni big della canzone italiana che ultimamente non brillano proprio per quello che hanno sfornato. Di una banalità imbarazzante sono Ligabue con G come giunglaNek con Unici. Niente di particolare e noiosamente sempre uguali a se stesse: Sul ciglio senza far rumore di Alessandra Amoruso, Oronero di Giorgia e Elisa con Bruciare per te.

liveTornando ai pezzi che invece fanno onore alla playlist, al top delle italian hits è senza dubbio Un mondo migliore, il nuovo singolo di Vasco Rossi. Lo immagino con tutta la sua intensità in un live a San Siro, è talmente perfetto che sembra scritto apposta.

Ma in assoluto le canzoni che mi proteggono dalle giornate corte e grigie sono: la gioiosa adrenalina di A head full of dreams dei Coldplay, il progetto Weeknd feat. Daft Punk con la graffiante StarboyKids dei One Republic e l’indiscusso top va alla coppia Dj Snake feat. Justin Bieber con Let me love you.

La mia playlist dell’autunno 2016ultima modifica: 2016-10-23T22:14:34+00:00da lesenedelase
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento