Il bello di viaggiare da soli di Francesca Di Pietro

Il bello di viaggiare da soli di Francesca Di Pietro è un saggio sul travel coaching e una guida all’esperienza del viaggio intrapreso in solitaria. bello viaggiare soli

Viaggiare vuol dire scrivere costantemente, e riscrivere quello che pensavi di sapere e invece non sai.

Unendo la professione di life coach e la passione per i viaggi da sola l’autrice racconta il viaggio come strumento che oltre a vacanza dalla vita di tutti i giorni può diventare spazio di consapevolezza, rinforzo ed espansione di sé.

Chi si mette in viaggio, spinto dal desiderio di andare altrove pone e muove se stesso in un contesto nuovo, ignoto e diverso da quello abituale. Il viaggiatore si toglie da ruoli e aspettative predefinite e sceglie di vivere un tempo in cui le energie personali si dedicano esclusivamente all’esplorazione dei luoghi, alla natura, a sport e interazione con gli altri.

In più, quando si affronta in solitaria il viaggio è una dimensione immersiva di intraprendenza e libertà. Chi parte da solo individua da sé la meta e il tipo di esperienza che vuole vivere, ma per rendere il viaggio possibile impara ad attivare e testare se stesso in più ambiti: gestione del tempo, programmazione di spostamenti e budget, tutelarsi dai pericoli e aprirsi all’incontro con l’altro in un contesto diverso, senza certezze né appigli.

Essere l’unico regista delle mie giornate è lo scenario più eccitante nel quale possa imbattermi.

Da soli a volte non si parte per il timore di non sapersela cavare o per la paura di non riuscire a comunicare in una lingua diversa, spaventano i costi e al rientro mette in crisi l’idea che il senso dell’esperienza si dissolva in pochi giorni. L’autrice passa in rassegna aspetti psicologici e pratici del viaggiare da soli e racconta di come il travel coaching aiuti a costruire il viaggio in base all’individuo e a viverlo anche come possibilità di crescita personale.

Si scopre così che per vincere la timidezza si possono fare degli esercizi, ci sono app e siti web per monitorare spese o partecipare ad eventi locali, esistono diverse forme di ospitalità e condivisione dell’alloggio e il diario è uno strumento importante per avere traccia dello svolgersi dell’esperienza. Esaminati gli aspetti pratici e chiarite le aspettative non resta che affidarsi al viaggio e fare tesoro di ciò porterà nella nostra vita.

Il viaggio è di per sé un percorso, ma non solo nel mondo e non solo quando si apre la porta di casa.

© Riproduzione riservata – photo credit La Sere

Il bello di viaggiare da soli di Francesca Di Pietroultima modifica: 2021-05-19T21:58:01+02:00da lesenedelase
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento