Un giorno da pendolare tra le Cinque Terre

Vernazza

Levanto è una delle vie d’accesso alle Cinque Terre, raggiungerle in treno è talmente semplice che mi sono messa in testa di fare la pendolare visitandole tutte e cinque in un giorno. Una sfida interessante in un sabato di ottobre in cui non sembrano prese d’assalto e in epoca di Covid non c’è passatempo più spensierato di dedicare tutte le ore di … Continua a leggere

Déjà vu estivo nell’autunno di Levanto

Levanto mare

Quando arrivi a Levanto non puoi ignorarlo, il mare ti si piazza subito lì davanti come una sfacciata provocazione. Se vieni dalla Via Aurelia al bivio per Levanto scendi per qualche chilometro ancora avvolto da una vegetazione abbondante e selvaggia poi poco prima della frazione di Montale ecco il mare, ti si apre lì di fronte con la sua la V blu … Continua a leggere

Piccolo tributo all’inverno sulla neve estiva del Plateau Rosa

punta Plateu Rosa

Il mio viaggio a Breuil-Cervinia d’estate nasce sul monte Pora d’inverno. Come già scritto, ho un passato da sciatrice tanto breve quanto insignificante, ma camminare nella neve sul Monte Pora è per me negli ultimi anni l’appuntamento invernale del sabato mattina. Può sembrare strano ma la gioia di affondare gli scarponi nella neve d’inverno mi ha portata sui sentieri di … Continua a leggere

Meraviglie della Valtournenche quando la gambe chiedono tregua

lac Bleu mini

Sette giorni in montagna non possono coincidere, almeno per me, con sette giorni di trekking. Quel che più mi porta in giro è l’entusiasmo, però l’entusiasmo se ne frega di fin dove arrivano le gambe, così il riposo in Valtournenche ho dovuto ogni tanto impormelo andando a caccia di itinerari alla portata dei più pigri.  Sono arrivata a Breuil-Cervinia di nuovo con quella … Continua a leggere

Il richiamo del Cervino

Cervino e nuvole

Si dice vedi Napoli e poi muori, ma quando vedi il Cervino non lo molli più. Non è come gli altri posti che una volta visto te ne vai e pensi alla prossima destinazione, quando volti le spalle al Cervino poi ti giri almeno una volta per vedere se è ancora lì, e una seconda per vedere se ha una luce … Continua a leggere

Viaggiare da sola mi ha aperto al mondo delle possibilità

molo isola del Garda

Il motivo per cui ho iniziato a viaggiare da sola è smettere di rimandare a tempi migliori. Quanti luoghi restano in stand by in attesa della compagnia giusta con cui condividerli. Nel 2017, presa da un amore improvviso e inspiegabile per la Cornovaglia, ho provato a invertire l’ordine delle cose, mi sono chiesta cosa-voglio-fare e dove-voglio-andare, ho sganciato i blocchi dei soliti condizionamenti e sono partita.  … Continua a leggere

Viaggio a Tolone: la rada del Porto e il Monte Faron

Fort St Luis Tolone

Inseguendo la mia passione per l’acqua e il fascino di guardare le cose all’alto, a Tolone ho scoperto due idee per mettere a fuoco la città nel suo complesso: il giro della rada del porto e la salita al Monte Faron. Quando sono in un posto di mare cerco sempre un’occasione per salpare dalla terraferma. Qui non è poi così difficile, da Quai … Continua a leggere

Viaggio a Tolone: una città che si scopre solo attraverso i suoi chiaroscuri

partita a carte Tolone scultura

Attraversata nel buio di un tardo pomeriggio di inizio gennaio Tolone dà l’idea di essere arrivati tardi. A quest’ora la città ha già dato il meglio di sé e aspetta solo di abbassare le serrande sulle poche vetrine che illuminano vie deserte. Il 2020 inizia facendo la valigia per una località di cui so poco o nulla. Volevo ripetere più o meno la Nizza dello scorso … Continua a leggere

Viaggio a Zara: musei by day e by night

Museo vetro antico - Zadar

Il cielo di Zara in questi giorni non ha mai fatto brutti scherzi, solo un paio di pomeriggi un velo di nuvole ha nascosto il sole e sospeso lo spettacolo del tramonto. Eppure lo sfizio di andare per musei a Zara, inizialmente previsto come piano B in caso di maltempo, me lo sono tolto lo stesso.  Non amo stare tutto il giorno a cuocere … Continua a leggere

Viaggio a Zara: cose strane che si incontrano in città

la Sfinge - Zadar

Se si osserva Zara dal campanile della Cattedrale di Sant’Anastasia, con lo sguardo si può dare un abbraccio all’intera penisola della Old Town insieme al mare, le isole e l’entroterra, come una rapida incursione del volo di un gabbiano. Non si riescono però a vedere l’Organo Marino e il cerchio azzurro del Saluto al Sole, la torre campanaria non sovrasta sufficientemente le costruzioni che … Continua a leggere