La mia playlist dell’inverno 2017

Ecco una nuova playlist per affrontare l’interminabile gennaio e non cedere troppo al letargo invernale. Pochi giorni fa ho scoperto che cade in questo periodo il Blue Monday: la giornata statisticamente considerata come la più difficile dell’anno. Che sia una bufala o no, la buona notizia è che ce lo siamo già lasciati alle spalle: era lunedì 16 gennaio. Vero è che ognuno di noi ha il suo giorno o il suo periodo blue e l’antidoto migliore è sempre la musica. giradischi

Si parte dalla spumeggiante e sfacciata Laura Pergolizzi, che tutti conosciamo come LP, già presente nella playlist dell’estate 2016 con Lost On You. La cantante statunitense, di origini italiane, entra nella playlist invernale con Other People. Un’altra bella scoperta è Betsy con Wanted More, è sorprendente come la sua voce ricordi molto quella di Cher.

Nelle italian hits, per canticchiare un po’ in macchina o sotto la doccia, poche sono le novità interessanti: Giorgia con Vanità e Samuel con Rabbia. Funzionano ancora due pezzi della precedente playlist: The Giornalisti con Completamente e Un mondo migliore di Vasco Rossi. Bocciatissimi per banalità di testo e sound Nek con Differente,  Made in Italy di Ligabue e Marco Mengoni con Sai che. Da tenere d’occhio invece è Il conforto di Tiziano Ferro e Carmen Consoli, hit uscita da poco che promette bene.

Tra i brani da suggerire all’istruttore di aerobica assolutamente non possono mancare Thuesday di Burak Yeter Feat. Danelle Sadoval, Made of di Viola Martisson nella versione Addal radio edit,  con Hear me now di Alok e Bruno Martini feat. ZeebaShed a light del duetto dj Robyn Shulz & David Guetta e Parov Stelar con il suo pezzo un po’ disco-retrò  All night.

Alvaro Soler ci fa fare un tuffo nell’estate con Animal, un singolo che ricorda molto Ricky Martin in Livin’ la vida loca.

Con un ritmo più soft ci sono la ballata Million Reasons di Lady Gaga, Rearrenge di Biffy Clyro e Alessia Cara con Scars to Your Beatiful.

A chiudere sono i due pezzi top del momento: You are not there di Lukas Graham e I feel it coming, secondo singolo della geniale co-produzione The weeknd feat. Duft Punk.

Immagini da Pixabay

La mia playlist dell’inverno 2017ultima modifica: 2017-01-22T20:56:02+00:00da lesenedelase
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento