Nel nome del diavolo di Lorenzo Alunni

Nel nome del diavolo di Lorenzo Alunni è un romanzo in cui la ricerca della verità su un parente scomparso diventa un’avventura abitata da visioni, naufragi e semplici riti sui cui altari bruciano pagine di Moby Dick. naufragi

Sta a te fissarti su quelle parole, su quei suoni, su quelle immagini o su quei gesti e decidere se ti guariranno o se finiranno per affossarti.

Il protagonista e narratore riceve da uno sconosciuto la notizia della morte di Eugenio, zio di cui non ha mai saputo l’esistenza. Mentre cerca di scoprire qualcosa in più, inizia ad avere strani momenti di trance in cui frequente è la visione della chiglia di un veliero che lo travolge come se fosse un naufrago in mare. Decide quindi di mettersi in viaggio, portare con sé saggi che parlano di storie di navigazioni e migrazioni finite male e parte per Lampedusa, l’isola dove Eugenio ha vissuto negli ultimi trent’anni senza far avere notizie di sé.

A Lampedusa il nipote trova la casa di Eugenio e per caso poco dopo assistite ad uno strano rito organizzato da alcuni migranti del Centro di accoglienza. Spaventato lascia l’isola per tornare a casa, ma attratto dalla curiosità di piccole coincidenze, si ferma prima a Messina nei dintorni del teatro Vittorio Emanuele e poi a Napoli dove visita il cimitero delle Fontanelle. E per caso di nuovo si trova spettatore di piccole cerimonie: poche persone riunite intorno a oggetti e foto che cercano di gestire la soglia fra i vivi e i morti.

I morti a cui si indirizzavano le avrebbero aiutate e scegliere le azioni giuste, e in cambio avrebbero ricevuto il ricordo di quelle persone e un’identità.

Nel frattempo gli episodi di trance si arricchiscono di particolari: alla scena del veliero si uniscono i vissuti dei naufraghi della zattera Medusa dispersa nel 1816, dell’Amphitrite affondata nel 1833 al largo di Boulogne-sur-Mer, di un gommone in balìa delle acque del Mediterraneo e dell’Essex, nave a cui si ispira la storia di Moby Dick. Il romanzo di Melville era un’ossessione per Eugenio, in casa ne custodiva diverse copie, e nel braciere dei riti a cui il nipote assiste c’è sempre una pagina di Moby Dick.

Il tema del naufragio insiste in questo libro quasi a voler rappresentare esso stesso un tentativo di salvezza. Naufragio è quello di un uomo che sparisce dalle cronache familiari, naufragio è il viaggio di un nipote in cerca della verità. Anche stringersi in piccoli rituali tra presenza e assenza è provare a mettersi in salvo da un naufragio. I naufragi storici raccontati nel libro parlano di interi equipaggi lasciati alla mercé del mare, vite che sperano fino all’ultimo di salvarsi, vite di schiavi, detenuti o migranti che qualcuno ha deciso possano anche andare perse.

Doveva essere questione di qualcuno che chiedeva al capitano Achab aiuto per ritrovare i figli dispersi in mare e di lui che rifiutava perché pensava solamente a dar caccia alla sua balena bianca.

Nel nome del diavolo è tra i cinque libri finalisti dell’edizione 2021 del Premio Nazionale di Narrativa Bergamo.

© Riproduzione riservata – Immagini de La Sere

Nel nome del diavolo di Lorenzo Alunniultima modifica: 2021-03-24T22:12:00+01:00da lesenedelase
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento