La mia playlist dell’estate 2018

La playlist regina dell’anno è quella dell’estate, perché l’estate più di ogni altra stagione si ricorda per le sue canzoni. Camara de Lobos street art

A fare da apripista é Lenny Kravitz che dopo qualche anno di assenza torna con Low. Era dai tempi di The Chamber, ovvero dal 2014, che il bel rocker newyorkese non sfornava qualcosa, ottimo che sia tornato per regalarci una hit estiva.

Nel made in Italy le proposte sono tante, ma quelle interessanti si riducono all’osso. Tra i tormentoni sul genere Rovazzi, J Ax, Fedez e Berté & Co. – che per me, si sa, restano assolutamente out of the game – una possibilità si può dare a Baby K con Da zero a cento ed eventualmente ad Amore e Capoeira di Takagi & Ketra feat. Giusy Ferreri. Interessanti e promosse a pieni voti sono Amore che torni dei Negramaro, Luca Carboni con Una grande festa, Jovanotti con Le canzoni e il ritorno delle Vibrazioni feat. Jake La Furia con Amore Zen, mentre il top italian se lo aggiudicano i The Giornalisti con Felicità Puttana.

Nel settore lounge, ideale per una colonna sonora da aperitivo post spiaggia, vanno Bob Sinclar con I believe, i Muse con Something humanThe Chainsmokers ft. Emily Warren con Side effects e My love di Martin Solveig.

E in chiusura l’adrenalina sale con pezzi che girano bene se li si lascia andare in auto a tutto volume con finestrino abbassato e gomito in vista: Alice Merton con Lash OutDavid Guetta & Sia con Flames (già in playlist dalla primavera), Dua Lipa & Calvin Harris con One Kiss, Clean Bandit feat. Demi Lovato con Solo, Matt Simons con We can do better, Tiesto & Dzeko feat. Preme & Post Malone con Jackie ChanSigns di HUGEL & Taio Cruz.

La vetta della playlist estate 2018 se la cotendono My Life Is Going On super novità di Burak Yeter & Cecilia Krull e Promeses di Calvin Harris & Sam Smith.

© Riproduzione riservata – Immagini de La Sere

Post aggiornato l’1 settembre 2018

La mia playlist dell’estate 2018ultima modifica: 2018-08-11T22:34:03+02:00da lesenedelase
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento